“Viaggio di Dante nell’era moderna” – Recensione

dalla Redazione

Ringraziamo i nostri appassionati lettori che ci hanno seguito anche nell’ultima presentazione di “Viaggio di Dante nell’era moderna”. Insieme al nostro Cristiano Ruzzi è intervenuto, nei locali del Caffè Letterario HoraFelix, anche l’autore Federico Papa, anticipato da un video-saluto di Riccardo Starnotti, dell’associazione Amici di Dante nel Casentino. I nostri “conferenzieri” ci hanno raccontato del Dante di Federico Papa che insieme ai due nuovi protagonisti trascende i secoli, slegandosi dal “vero Dante” – di indole Imperiale, anti-papale, con una visione ideale della donna e dell’italia -, ma usando la sua storicità come strumento di eredità  nella mani del nuovo Alighieri. In questo modo recita parte dell’introduzione:

«Cosa avrebbe detto Dante dei nostri giorni se fosse stato ancora in vita? Cosa avrebbe detto della storia, della filosofia, della fine che hanno fatto le scienze e le culture degli esseri umani, dell’avvento della tecnologia, del progresso, della politica a lui postuma, insomma di tutto ciò che lui non ha mai conosciuto? Proprio da questo interrogativo parte Federico Papa, creatore di tale poemetto che tanto osa dire e raccontare.»

Un testo che possiamo solo consigliare per la sua caratura originale, per la capacità di cogliere il filo storico delle epoche e per riaverci riportato in vita il Sommo Poeta, non relegato alla sterile lettura scolastica, ma di nuovo vivo, in grado di riappropriarsi del suo posto nell’eternitá storica.  Il regalo che ci ha fatto Federico Papa è più unico che raro e ha una dedica speciale, di nuovo nella sua introduzione:

«Questo componimento è stato ideato dall’autore come un dono da dare a tutti coloro che non hanno mai smesso di amare Dante e che se lo sono sempre immaginato a contatto con nuove realtà e apprendente tutto ciò che è venuto dopo il 1321; in ciò sta il senso del suo concepimento.»

L’ultimo ringraziamento va a Maurizio Messina, il quale accoglie Le Frecce e i suoi scrittori ormai da molto tempo.

Inserisci un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.